Definizione: Sinonimo: ipocondria estetica, ipocondria dermatologica, ossessione per la vergogna del corpo. Sigmund Freud lo descrisse nell’Uomo dei Lupi, preoccupato per il naso. In essa il paziente manifesta un’eccessiva preoccupazione per un difetto reale (con la materia) o immaginario (senza materia). Questa parte del corpo è vissuta dal soggetto come deformata, non attraente. Normalmente la parte del corpo è di solito i capelli, i seni, i genitali, il naso. Diverse parti possono essere interessate successivamente o contemporaneamente. Il paziente può essere sottoposto a molteplici interventi chirurgici per correggere questo difetto, comprese misure estreme come l’autochirurgia. Questa credenza può avere il carattere delirante come parte di un disturbo somatico delirante o il carattere dell’idea sopravvalutata come parte di un disturbo dismorfico corporeo secondo DSM-IV-TR o di un disturbo ipocondriaco secondo ICD-10.
Ad un certo punto della nostra vita siamo stati tutti complicati da qualche difetto fisico o sopraffatti da qualche parte del nostro corpo che non apprezziamo. Ma….. cosa succede quando un piccolo complesso diventa pura ossessione?
Dismorfobia è il nome di quello che è noto come dismorfismo corporeo, che è inquadrato all’interno di disturbi somatoformi. Letteralmente, è la fobia esagerata o il rifiuto di una parte del proprio corpo.
Desiderare un’immagine perfetta non significa avere un disturbo psicologico, ma quando la preoccupazione per il corpo e l’insoddisfazione nei suoi confronti non sono conformi alla realtà, occupano la mente intensamente e spesso sotto forma di idee sopravvalutate e generano disagio, interferendo negativamente nella vita quotidiana, allora possono diventare un problema clinico.
Non è quindi strano che da qualche tempo sia iniziato lo studio del disturbo dismorfico del corpo o della dismorfobia dismorfica, anche se il termine era già definito nel 1886 da Morselli e citato in vari testi nei primi anni del XX secolo [cfr. Berrios e Kan, 1996]. Infatti, ci sono sempre state persone più o meno “complessate” da acne, occhiali, denti deformati, orecchie sporgenti, bassa statura, calvizie, naso grande, ecc. Tutte queste preoccupazioni sono, in una certa misura, normali e nell’adolescenza emergono con tutta la forza. Ma c’è un gruppo di persone in cui queste preoccupazioni per i “difetti” del corpo e dell’aspetto fisico, lungi dal diminuire nel tempo, aumentare o mantenersi, producendo grande disagio e impedendo una vita normale. E ‘allora quando si può parlare correttamente di disordine dismorfico del corpo. In ogni caso, la dismorfobia, intesa come preoccupazione per l’immagine corporea, può essere un sintomo presente in diversi quadri clinici, come schizofrenia, anoressia nervosa, obesità, bulimia, bulimia, fobia sociale, frastomo ossessivo-compulsivo, depressione, ecc. (Birtchnell, 1988; Neziroglu e Yaryura-Tobias, 1997), ma può anche essere un disturbo in sé. Quest’ultima condizione è menzionata in questo articolo.
Dismorfobia: Che cos’è esattamente?
Stiamo parlando di un problema di distorsione dell’immagine corporea, quindi, i sintomi sono legati all’ossessione verso una parte concreta dell’aspetto fisico del soggetto.
La persona che lo subisce, si sente una costante ed eccessiva preoccupazione per qualche difetto fisico, reale o immaginato. Se un tale difetto fisico esiste nella realtà, i livelli di ansia vissuta sono esorbitanti, in quanto la percepiscono in modo esagerato, e possono avere problemi emotivi significativi o isolamento sociale. E’ importante sottolineare che non ci riferiamo ad un problema di immagine di sé legato a disturbi alimentari (come nell’anoressia) o all’identità sessuale (che si ripercorre con il rifiuto verso il proprio corpo, in particolare verso i genitali).
CONCETTO E CARATTERISTICHE DEL DISTURBO
Il disturbo dismorfico corporeo può essere definito, secondo il DSM-IV (American Psychiatric Association, 1994), come una preoccupazione eccessiva per “un “difetto corporeo inesistente o minore” (Tabella 1). Questa preoccupazione è esagerata, produce disagio e interferisce seriamente nella vita quotidiana del soggetto, rendendo difficili i rapporti interpersonali.
Le persone con questo disturbo, che aderiscono ostinatamente ad un apprezzamento non condiviso dalla maggior parte delle persone, hanno paura che altri notino il presunto difetto fisico, mostrino sensi di colpa e vergogna, si preoccupino ripetutamente, sopravvalutate o deliranti, evitino situazioni sociali ed esposizione del corpo, abbiano rituali e chiedano ripetutamente trattamenti medici e cosmetici. Tra le preoccupazioni più comuni sono le preoccupazioni degli uomini sulle dimensioni del pene.
Come in altri quadri clinici, i sintomi sono presentati in tre livelli di risposta, che sono particolarmente evidenziati quando il paziente si trova di fronte a situazioni in cui il “difetto” può essere visualizzato o commentato (Rosen, 1995) (Tabella 3). I comportamenti di evitamento possono riferirsi ad evitare situazioni sociali, ma anche a rifuggire dalla propria immagine del pene nello specchio o rifiutare di cambiare i vestiti davanti agli altri (in una palestra, per esempio). Questo evitamento può essere totale, quando il paziente è chiuso in casa, o parziale, quando adotta comportamenti mimetici (alcuni vestiti larghi, evitare pantaloni stretti, mettere un maglione che copre i genitali …..) in presenza di altre persone.
L’evitamento, nei casi più gravi, può portare ad un estremo isolamento sociale, evitare rapporti sessuali, il celibato può anche evitare la masturbazione; può anche portare a tentativi di suicidio.
In questo contesto possono sorgere anche rituali di test, come l’esame ripetuto del corpo davanti allo specchio, la verifica che nessuno possa notare visivamente il volume degli organi genitali e comportamenti rassicuranti, come le ripetute richieste di informazioni rassicuranti o il confronto costante con altri. Lo scopo di tutto questo è quello di controllare la preoccupazione causata dalla possibile visibilità del difetto.
Altre conseguenze comportamentali del disturbo sono l’inizio di trattamenti cosmetici, chirurgici, dermatologici, sia sentendosi consapevoli delle dimensioni dei genitali, sia dell’esistenza di genitali maschili, in questa casa si dovrebbe fare una diagnosi differenziale con la transessualità.
A livello cognitivo, possono comparire diverse alterazioni.
Alterare i livelli di risposta nel disturbo dismorfico corporeo
Livelli Risposte psicofisiologiche : Risposte dal Sistema Nervoso Autonomo (sudorazione, tremore, difficoltà respiratorie, ecc.).
Comportamento : Evitare e camuffare i comportamenti. Rituali di test e rassicurazioni.
Cognitivo : Evitare e camuffare i comportamenti. Rituali di test e rassicurazioni.
Preoccupazioni. Distorsioni percettive. Credenze irrazionali. Confronti con altri.
Possono verificarsi distorsioni percettive dell’immagine corporea o, in questo caso, degli organi genitali. La persona è convinta dell’esistenza del difetto, sia per le dimensioni o la forma del pene principalmente o per l’esistenza dello stesso nel caso di sentirsi una donna.
Verbalizzazione negativa di sé sul corpo che può portare ad un profondo disprezzo per l’aspetto fisico e, in ultima analisi, ad un deficit di autostima. Queste credenze irrazionali, come quella che il difetto è la prova dell’impossibilità di essere amato o apprezzato, o addirittura un segno di debolezza o inadeguatezza nei rapporti sessuali.
Così, ci sono pazienti che sono consapevoli dell’eccessiva intensità, durata e frequenza di un’idea, per esempio pensando che il paziente ha un pene troppo piccolo o che si tratta di un pene molto curvo. E’ vero che alcuni pazienti inizialmente sovradimensionano un fatto reale, ad esempio l’esistenza di un micropene, o di un piccolo pene, o anche che c’è la possibilità di avere un pene curvo o di soffrire della malattia di Peyronie, ma il modo di affrontare un evento e la costante osservazione di un fatto trasforma l’evento in un problema serio per il maschio e la conseguente ossessione di esso.
Così, la loro esagerazione li rende incapaci di smettere di pensarci [preoccupazione patologica]. In altri pazienti, la preoccupazione ha il carattere di un’idea sopravvalutata: è radicata nel soggetto, occupa un posto centrale nella sua vita ed è emotivamente carica. In altre parole, diventa invalidante per il normale svolgimento della sua vita.
Infine, i pazienti sono assolutamente convinti dell’effettiva esistenza del difetto. In questi casi si tratta di idee deliranti (dismorfobia delirante o disordine somatico delirante). In casi drammatici il paziente può raggiungere l’auto-amputazione dell’arto o generare una sovracorrezione del pene iniettando diverse sostanze come olii, siliconi liquidi per aumentare le dimensioni dell’arto.
Non ci sono differenze qualitative tra disturbi dismorfici deliranti e non deliranti in termini di psicopatologia associata e di risposta al trattamento. L’unico aspetto distintivo è la gravità del disturbo più accentuata nel primo caso.
Il disturbo inizia solitamente nell’adolescenza, tra i 15 e i 20 anni, e ha un decorso cronico. La richiesta di aiuto terapeutico dura solitamente tra i 10 e i 15 anni, con la particolarità che la richiesta è più legata alle complicanze psicopatologiche generate (depressione, isolamento sociale, ecc.) che al disturbo stesso. Ciò che rende difficile cercare aiuto in anticipo ed esplicitamente è il senso di colpa e l’imbarazzo provato dal contenuto delle loro preoccupazioni. Una storia familiare di disturbi mentali non è rara. In particolare, depressione, comportamenti di dipendenza, psicosi e disturbo ossessivo-compulsivo sono descritti tra i parenti di primo grado.
D’altra parte, c’è un’elevata comorbilità tra il disturbo dismorfico corporeo e altri quadri clinici dell’asse I (fobia sociale, depressione, tentativi di suicidio, disturbo ossessivo-compulsivo, abuso di sostanze e, in misura minore, psicosi e disturbi alimentari) (Hollander, Cohén, Simeón, 1993; Phillips, Átala e Albertini, 1995; Wilhem, Otto, Zucker e Pollack, 1997), così come l’asse II (principalmente evitanti, ossessivo-compulsivi, dipendenti e borderline personality disorder) (Neziroglu, McKay, Todaro e Yaryura-Tobias, 1996). Più in generale, introversione, bassa autostima, ipersensibilità e insicurezza personale sono anch’esse caratteristiche.
Ci sono stati alcuni tentativi di fare una diagnosi differenziale tra pazienti normali e dismorfi che ricorrono alla chirurgia estetica. Questi ultimi tendono ad andare da più chirurghi ed essere intervenuti per problemi multipli. In particolare, sono caratterizzati da uno stress sproporzionato e da preoccupazioni ripetute e dalla vaghezza della denuncia e della petizione, nonché da aspettative irrazionali o magiche. Presentano anche una storia di precedenti operazioni e un ulteriore deterioramento in tutti gli ambiti della loro vita, con problemi emotivi e di personalità (Birtchnell, 1988; Hollander e Aronov^ritz, 1999; Neziroglu e Yaryura-Tobias, 1997).
TRATTAMENTO PSICOLOGICO
Motivazione della terapia: i pazienti con questo disturbo sono spesso motivati a cambiare fisicamente il loro aspetto esteriore. In questo modo, spesso iniziano trattamenti dermatologici, dermatologici, chirurgici, di riduzione del peso, ecc, come un modo per eliminare il loro difetto. Il problema, tuttavia, non è tanto nell’aspetto esteriore quanto nell’esperienza soggettiva del corpo. Nonostante ciò, i pazienti sono molto riluttanti al trattamento psicologico, perché, non essendo consapevoli del problema reale, l’unica alternativa proposta è la modifica della facciata esterna.
Obiettivi terapeutici: Gli obiettivi prioritari della terapia sono i seguenti: la modificazione di autoverbalizzazione negativa sul corpo; il cambiamento di assunzioni irrazionali.
CURE MEDICHE
Nel caso in cui l’ossessione irrazionale di una piccola dimensione del pene si basi sull’esistenza di un micropene, è essenziale avere finalmente successo, iniziare con un trattamento cognitivo-comportamentale di almeno 2 sedute alla settimana con supporto al proprio ambiente prima di eseguire un trattamento medico per l’allungamento del pene in modo che il paziente si adatti alla realtà e in questo caso, per la lunghezza del pene che può effettivamente essere raggiunto e che una volta raggiunto dovrà lavorare su quel trattamento psicologico con la percezione dimostrabile che la lunghezza del vostro pene è riuscito a collocarsi nella media normalizzata dei maschi.
Alla fine dei trattamenti sia psicologici che medici, il paziente deve essere consapevole che la lunghezza del suo arto è finalmente nella normalità, mostrandogli le tabelle statistiche, sottolineando che la lunghezza del suo pene appartiene alla percentuale normalizzata.
Se c’è una vera e propria curvatura del pene che è all’origine della dismorfobia, la stessa procedura verrebbe eseguita, iniziando il trattamento psicologico prima di correggere la curvatura del pene. In seguito, il paziente avrebbe notato la visualizzazione del suo pene raddrizzato rispetto ad altri uomini.
Le procedure terapeutiche utilizzate sono simili a quelle utilizzate nel trattamento cognitivo-comportamentale delle fobie e del disturbo ossessivo-compulsivo (Rosen, 1997; Raich, Mora, Marroquín, Pulido e Soler, 1997).
In definitiva, si tratta di modificare abitudini che interferiscono negativamente con il funzionamento quotidiano, di imparare a tollerare il proprio aspetto e di affrontare situazioni (guardare allo specchio, relazionarsi con gli altri, ecc.) che di solito vengono evitate (Rosen, 1997).
Un primo componente della terapia è costituito dalle informazioni fornite al paziente sui diversi aspetti legati al problema. Questo spiega che cos’è il disturbo e quali sono le sue caratteristiche, così come la differenza tra l’aspetto fisico e l’immagine corporea (quest’ultima riferita ad un costrutto psicologico).

andropenis gold premium set
androextender

Prezzo da €99. Spedizione gratuita

Pin It on Pinterest