I due organi del corpo umano più misurati nella storia sono stati il naso e il fallo. Il naso, posto proprio al centro del viso, è la prima cosa che spicca in una faccia, ma qual è la ragione per cui è l’ossessione per la lunghezza del pene quando non è in vista perché nascosto nei vestiti?

Da tempo immemorabile l’uomo ha coperto la sua nudità, inizialmente lo scopo di farlo è stato quello di proteggerci dal freddo, ma anche di proteggerci dalle minacce esterne. La pelle umana sembra essersi evoluta per sentire e percepire sensazioni piacevoli come carezze o abbracci, centinaia di terminazioni nervose hanno fornito questa capacità della nostra pelle. Se ci confrontiamo con altri animali con esoscheletri, o coperti da una pelliccia spessa il nostro corpo è indifeso contro qualsiasi aggressione sia climatica che da parte di un altro essere vivente. Questo è il motivo principale per cui evitiamo la nudità, e nonostante ciò siamo preoccupati per le dimensioni dell’arto virile, sarà interessante cercare la spiegazione e cercheremo di trovarla immergendoci in diverse discipline come antropologia, fisiologia, biologia, biologia, etologia, sociologia e psicologia. Tutte queste branche di conoscenza possono fornire una visione interessante e forse troveremo un nesso comune per rispondere alla nostra domanda.

Possiamo fermarci ad uno dei più importanti istinti animali, la riproduzione o la sopravvivenza delle specie che determinerebbero il comportamento dei primi ominidi. Secondo la disciplina dell’Etologia, abbiamo trovato un interessante studio dell’American Ornithological Society Journals https://academic.oup.com/aosjournals/?code che dimostra come la competizione sessuale tra anatre determini la dimensione del loro pene. Lo studio rivela che la lunghezza e la morfologia degli organi genitali delle anatre cambiano a seconda del loro ambiente sociale. Così, i maschi che soffrono di una grande competizione tendono a sviluppare fallo di dimensioni maggiori rispetto ai maschi che vivono in un ambiente meno competitivo, questo risponde ad una chiara strategia alla difficoltà di dover competere tra un gran numero di maschi per accoppiarsi con la stessa femmina.

Se studiamo l’anatomia del pene umano, osserviamo come sono differenziate due parti, lo stelo del pene e il glande. Il rigonfiamento del glande e la disposizione perpendicolare della corona è una caratteristica del maschio. Secondo uno studio di Gordon G. Gallup, Jr. “Lo spostamento dello sperma come strategia di competizione di spermatozoi negli esseri umani”.
https://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/147470490400200105 sostengono che il pene umano si è evoluto in questo modo per spostare lo sperma dei rivali nella competizione dello sperma. Analizzando lo studio, si può osservare che l’anatomia del pene umano si è evoluta per essere introdotta nella vagina della donna e, durante il rapporto sessuale, la missione del glande sarebbe quella di estrarre dalla vagina lo sperma di un altro maschio se ce ne fosse uno, lasciando l’ingresso dell’utero libero di inseminare in seguito la donna con il proprio sperma.
Gli esseri umani sono passati dall’essere un gruppo di nomadi e cacciatori alla promozione di insediamenti stabili con raccolta di raccolti per garantire il cibo alla loro popolazione. Alcuni studi antropologici indicano che in molte tribù indiane amazzoniche si pensa che una donna abbia bisogno di ricevere sperma da maschi diversi per rimanere incinta. Le donne cercavano di avere rapporti con diversi uomini in modo che il figlio potesse ereditare il meglio di ciascuno: il miglior cacciatore, il più forte. Lo studio è: Storia evolutiva della paternità partible in pianura Sud America. https://www.pnas.org/content/107/45/19195 .
Secondo l’antropologo evoluzionista Kit Opie dell’University College di Londra “i nostri antenati, i primi primati sarebbero stati maschi solitari che preferivano vivere in isolamento, unendosi solo per l’accoppiamento”. L’homo sapiens si è evoluto, è diventato gregario formando piccoli insediamenti, ha creato società e migliorato la monogamia, ma sono rimaste le vestigia filogenetiche dell’importanza della dimensione del pene nell’uomo.

All’inizio delle prime civiltà della cultura occidentale, un matriarcato si diffuse in gran parte del Mediterraneo. Con le invasioni dei popoli del mare portarono il patriarcato, sposando gli dei maschili con le vecchie dee, relegandoli al secondo posto. Dove le antiche dee della fertilità venivano esaltate nel matriarcato con caratteristiche sessuali secondarie sviluppate con grandi seni e fianchi che lodavano il potere magico delle donne nella riproduzione. Con la vittoria del patriarcato, l’importanza del pene, simbolo del potere del maschio, comincia ad essere evidenziata. Conosciuto con le immagini del dio Priapo con un grande fallo eretto o del dio Dionigi, satiri, ecc. Negli scavi di Pompei ed Ercolano possiamo distinguere sull’architrave di molte case la rappresentazione di un pene associato a fortuna e prosperità. Non è stato raro trovare nelle battaglie l’uso da parte dei vincitori di violazioni sui vinti, in una dimostrazione di potere e trionfo.

Sociologi, psichiatri e psicologi hanno raccolto questo profondo interesse per il fallo dell’uomo in molteplici studi. Freud il padre della psicoanalisi afferma nella teoria dello sviluppo psicosessuale che durante la fase fallica del bambino si trova nell’area dell’uretra dove risiede il suo punto libidico. La teoria suggerisce che il fallo diventa di interesse primario per entrambi i sessi, catalizzando eventi fondamentali nello sviluppo psicosessuale. Questi fatti sono poi ripresi nella teoria freudiana del complesso di Edipo, dove il bambino sviluppa i suoi primi impulsi sessuali verso la madre. La ragazza si rende conto che non ha un pene per avere un rapporto eterosessuale con la madre e poi lo desidera, questo è descritto come l’invidia del pene.

In seguito, dalla psicologia comportamentale inquadrata con l’identificazione di variabili dell’ambiente che interagiscono con l’uomo e producono una risposta. Per anni i sociologi si sono posti la domanda “le dimensioni contano? Su Internet si possono trovare studi di affermazione e negazione, ma è vero che gli studi sociologici possono essere parziali da parte dell’autore per rovesciare l’equilibrio da una parte o dall’altra. Per questo motivo abbandoniamo lo studio sociologico per focalizzarci sulla Psicologia.

Diversi studi dimostrano che la visualizzazione di un grande pene influenza la risposta sessuale del partner sessuale. Se usiamo il linguaggio degli psicologi comportamentali, uno stimolo incondizionato (US) genererebbe una risposta fisiologica incondizionata (UR), maggiore è lo stimolo (pene più grande), maggiore è la probabilità di una risposta maggiore (più desiderio). Successivamente nuovi stimoli che inizialmente sarebbero stati neutri sarebbero stati associati a quella risposta, per esempio un corpo muscolare, la ricchezza o la potenza sarebbero diventati uno stimolo condizionato (CS) che avrebbe anche provocato una risposta di desiderio sessuale, questa volta differenziale per essere di stimoli diversi (UR).

Il maschio associa potere, denaro o avere un grande fallo per ottenere risposte al desiderio nella femmina, poi produce comportamenti operativi e migliorerà tutti questi attributi associati al profitto e al successo. Allo stesso modo, se compriamo una tuta e molte persone ci lusinghiamo (rinforzo sociale) aumenterà la probabilità che indossiamo quella tuta di nuovo per essere rinforzato.

Viviamo in grandi centri urbani dove dobbiamo costantemente competere con i nostri vicini per raggiungere i nostri obiettivi. C’è un confronto costante, e nello stesso modo in cui i maschi combattono per arrivare al compagno, a volte i maschi si confrontano tra loro. Questo è il caso della sindrome del guardaroba, https://www.andropenis.com/es/dismorfofobia-pene/ coniato per la prima volta dallo psicologo Fernando Molina-Campuzano, l’uomo confronta le dimensioni degli altri membri con le proprie. In questo confronto troviamo riaffermazione se la dimensione è maggiore della media o anche una sensazione di complessità se dimostra che la dimensione è minore.

La sofferenza complessa a causa di avere un pene piccolo o micropeni può portare a disadattamento, insicurezza e comportamenti di evitamento in cui la nudità può essere esibita. Può produrre ansia e in alcuni casi depressione nel paziente.

Oggi, la scienza è stata in grado di offrire una terapia per risolvere questa situazione. Nel 1996, il Dr. Eduardo Gómez de Diego  ha inventato un dispositivo di trazione, chiamato Andropenis, che rende possibile la crescita permanente del pene. Questa tecnica è stata chiamata Terapia di trazione del pene (PTT). Numerosi studi scientifici hanno confermato questa invenzione, come quello realizzato presso l’Università di Torino dall’urologo Dr. Gontero https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1111/j.1464-410X.2008.08083.x.. Le indicazioni mediche della terapia di trazione peniena vengono applicate in più trattamenti, come la malattia di Peyronie che, grazie al dispositivo di trazione, corregge le curvature del pene e ripristina la lunghezza perduta.
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/jsm.12400

Se integriamo le diverse discipline della conoscenza e i rispettivi studi, possiamo affrontare in modo ampio la domanda posta all’inizio, non ci sarebbe una sola ragione ma la somma di molteplici ragioni che spiegherebbero l’importanza che l’uomo attribuisce alla lunghezza del pene. I geni che portiamo, l’influenza sociale e culturale, gli aspetti biologici e psicologici giocano un ruolo importante nel rispondere all’importanza delle dimensioni del pene.

Offerte speciali del produttore

andropenis gold premium set

Prezzo da €99. Spedizione gratuita

Pin It on Pinterest